Protesta contro lo stato di abbandono del quartiere

Lo scorso 7 aprile ha visto una prima partecipazione di oltre un centinaio di cittadini: da quanto si è appreso dagli stessi portavoce del Comitato, è intenzione incrementarne la pubblicizzazione per ripetere l’evento ogni giovedì. L’esigenza nasce dallo stato di abbandono dell’intero quartiere di Torre Spaccata, le cui buche e il dissesto di viale dei Romanisti rappresentano solo la punta dell’iceberg.

Durante la manifestazione i cittadini hanno anche deciso di attraversare i punti nevralgici del quartiere, quelli che più di altri evidenziano l’incapacità delle Amministrazioni periferiche e centrali di dare soluzioni credibili per strappare il territorio all’invivibilità.

La “passeggiata” ha percorso viale dei Romanisti, il tratto della Palmiro Togliatti fino a via Papiria, passando davanti alla buca della vergogna dove, sotto il centro Sportivo Augustea, un centinaio di Rom e senza fissa dimora hanno realizzato una baraccopoli sommersa, da decine di tonnellate di rifiuti di ogni genere e dove, sempre più spesso, vengono segnalati incendi e fumi tossici. Dall’altro lato, quello del parco di Centocelle, gli sfascia-carrozze in attesa da oltre quindici anni di essere spostati presso luoghi più idonei alla loro attività.

I responsabile del CdQ hanno sottolineato come, a seguito di denunce ed esposti sull’interramento nel sottosuolo (dove fino a circa cinque anni fa sorgeva il campo Rom Casilino 900) di rifiuti di ogni genere, sia intervenuta l’ARPA che ha effettuato i necessari prelievi del suolo, ma ad oggi non si conoscono ancora i risultati di quelle indagini.

Sempre sul Parco insistono delle abitazioni abusive su cui pende un’ordinanza di demolizione non eseguita dal Municipio Roma 5, sembrerebbe per mancanza dei fondi necessari.

Una versione a cui non credono né il CdQ Torre Spaccata né le varie associazioni che da anni si battono per il completamento e l’utilizzo del Parco, non fosse altro per l’esistenza di un cancello abusivo di Passo Carrabile le cui chiavi, oltre agli utilizzatori delle costruzioni abusive, sembrerebbero in possesso della Polizia Roma Capitale Gruppo Casilino.

What do you think?

30 points

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%