I parchi del V Municipio sono “poesia”

Versi poetici che scandiscono lo scorrere dei mesi, nell’Agenda del Parco 2017 presentata lo scorso 14 dicembre presso la Biblioteca Rodari. Un evento dove è stato certamente condiviso l’apprezzamento per il territorio di appartenenza, nel caso specifico del V Municipio di Roma, e il senso di responsabilità verso il bene comune. In particolare l’attenzione si pone al patrimonio “verde”: quel che resta, nelle città diventate sempre più caotiche e asfissianti, a ricordarci del nostro legame con la natura, della sua funzionalità con la sopravvivenza dell’uomo.

L’Agenda del Parco 2017, a cura delle Edizioni Cofine da ben quattordici anni, in questa nuova versione ha come tema l’accostamento degli spazi verdi alla poesia, evidentemente individuata come il linguaggio più adeguato ad esprimere la bellezza di luoghi magnifici spesso tristemente abbandonati al degrado, se non alla speculazione edilizia. Le poesie degli autori coinvolti nel progetto consentono di visualizzare panorami e scorci con occhi più attenti al particolare e all’emozione che ne viene suscitata. Ventiquattro poeti, tra i quali diversi di fama nazionale, impreziosiscono ogni mese dell’anno con una coppia di opere nate dal loro contatto con i parchi che si estendono nel quadrante casilino-prenestino e di cui godono quartieri romani come Centocelle, Torpignattara, Villa Gordiani, Villa De Sanctis, Tor Tre Teste, Alessandrino, Quarticciolo.

I nomi degli artisti che accompagnano lo svolgersi dei mesi nell’edizione 2017 sono: Achille Serrao, Anna Maria Curci, Antonietta Tiberia, Assunta Finiguerra, Aurora Fratini, Carlo De Paolis, Enrico Meloni, Francesco Di Giorgio, Ferdinando Falco, Gian Piero Stefanoni, Giovanna Giovannini, Laura Rainieri, Leone Antenone, Loredana Bogliun, Manuel Cohen, Maria Lanciotti, Mario Melis, Marcello Nardo, Maurizio Rossi, Nadia Mogini, Paolo Buzzacconi, Roberto Pagan, Vincenzo Luciani, Vincenzo Scarpellino. Ad integrare il bellissimo lavoro, incantevoli fotografie dei parchi tra le quali figurano scatti di Franco Menenti e Francesco Manca. L’Agenda, tradizionalmente, viene regalata alle scuole e alle biblioteche del territorio.

What do you think?

30 points

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%