NUOVO SPORTELLO DI ANAGRAFE NEL V MUNICIPIO

Approvata la direttiva che avvia l’iter per portare uno sportello demografico a La Rustica. Boccuzzi:  “Miglioriamo l’accesso al servizio agli abitanti”. Schiuma: “Le priorità del quartiere sono altre”

Obiettivo raggiunto da Boccuzzi, un nuovo sportello di anagrafe sarà aperto nel Municipio 5, nella zona di La Rustica. La direttiva n°1, approvata nel gennaio 2017, impegna la direzione per l’apertura di uno sportello che si aggiungerà a quelli esistenti in via Prenestina 510 e in via di Torre Annunziata 1. Lo spazio scelto è un box commerciale di via Dameta 18, risultato essere come tanti altri inutilizzato.

“Vogliamo migliorare, facilitare e ottimizzare l’accesso a questo servizio agli abitanti del quartiere – scrive il minisindaco Boccuzzi – soprattutto alle fasce più deboli, che maggiormente risentono la lontananza dagli uffici amministrativi”. Un modo per decentrate i servizi e per recuperare la distanza tra le istituzioni e i cittadini di questa borgata periferica che conta 15 mila abitanti, peraltro divisi fra i territori di  tre municipi.

Numerose sono le perplessità: il sindacato contrario all’apertura, la poca chiarezza della durata dello sportello (non si sa se sarà perenne o sperimentale) e, infine, la mancata conoscenza dei servizi che verranno erogati. Già in passato, nel 2008, il presidente  dell’ex Municipio 7, Mastrantonio, aveva concluso un progetto analogo. L’idea, nata dal suo predecessore Tozzi, portò all’apertura di uno sportello demografico all’interno del mercato rionale di via De Pisis, nel più centrale quartiere di Tor Sapienza che, però, venne chiuso.

All’apertura dello sportello di anagrafe sembra essere legato, inoltre, il futuro della Casa delle associazioni, che si è vista recapitare un avviso di sfratto. Ai locali, assegnati con un atto di Giunta da Mastrantonio, è stata applicata la Delibera 140, promossa da Marino e impugnata dal commissario Tronca. Tale provvedimento comporta sgomberi coatti in tutta Roma. Ma risposte positive arrivano dal Campidoglio. Il 9 febbraio 2017 è stata votata all’unanimità la mozione dell’onorevole Celli della lista civica “RomaTornaRoma” che ha bloccato gli effetti della Delibera 140. Nonostante tutto c’è chi teme per le sorti di questi locali che senza un nuovo regolamento comunale potrebbero essere adibiti allo sportello demografico, contrariamente a quanto afferma la Giunta Boccuzzi.

“Siamo felici per la realizzazione dello sportello – dichiara il presidente del Comitato di Quartiere La Rustica, Sergio Vitali – ma speriamo che la direttiva municipale n°1 venga rispettata”. Si auspica, quindi, che venga utilizzato un box commerciale. “Noi per ora ci concentriamo sul nostro progetto – continua Vitali – che prevede di creare una rete tra tutte le realtà sociali capace di far crescere il quartiere. Nel frattempo vediamo come andrà a finire”. Interpellato, il consigliere Schiuma di ‘Noi con Salvini’, ha detto: “Portare lo sportello demografico a La Rustica va bene, ma questa cosa non ci deve far dimenticare quali sono le priorità della zona: contrastare il mercato dei rom di via Naide e ripristinare la legalità in via Guidi”.

What do you think?

30 points

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%