LOTTA AL CRIMINE INFORMATICO, TRA PHISHING E CYBERCRIME, LA POLIZIA DI STATO RACCONTA IL 2016

Pedopornografia online, cyber terrorismo, truffe on line, reati contro la persona sui social network, phishing, questi i settori nei quali si è sviluppata l’attività di contrasto del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma nel corso del 2016.

Per detenzione e condivisione di materiale pedopornografico 3 le persone arrestate, 33 quelle denunciate; oltre 14000 gli spazi virtuali visionati, in 123 casi sottocopertura.

Nell’ambito del cyber terrorismo,15000 spazi virtuali (siti web, media, blog, forum, profili twitter e facebook), monitorati sulla rete, dei quali oltre 1200 riconducibili ad organizzazioni di matrice islamica.

Tra i 1200 i casi trattati, riconducibili ai reati informatici contro la persona, 54 le persone denunciate, 432 inerenti il trattamento illecito dei dati personali, 285 la diffamazione on line e 165 la sex extortion; nei 2600 spazi virtuali monitorati, 100 avevano contenuti illeciti.

In materia di contrasto al phishing o alla clonazione di carte di credito e/o debito, perpetrate con il furto di identità digitali e al furto di ingenti somme da conti correnti di società o risparmiatori (Financial cyber crime), sono state eseguite operazioni di particolare interesse anche a livello nazionale. L’attività investigativa ha portato all’arresto di 21 persone mentre circa 90 sono state denunciate a piede libero. Particolare rilievo rivestono alcune attività che hanno portato, in una indagine, ad eseguire 18 ordini di custodia cautelare, a livello nazionale, a carico di dipendenti postali, cittadini italiani e stranieri; un’associazione a delinquere finalizzata alla sottrazione di ingenti somme da ignari correntisti postali, con un danno stimato di circa 450.000 euro; un’articolata indagine (operazione “Doctor Who”) ha permesso inoltre di denunciare 6 soggetti, componenti di una banda dedita alla sostituzione di persona, uso illecito di banche dati on line e falso in atto pubblico, finalizzati alla truffa in danno di diversi medici chirurghi, che si sono visti addebitare ingenti somme di denaro per acquisti di autovetture, motoveicoli ed erogazione di prestiti effettuati a loro nome dai malviventi, con un danno economico stimato in circa 200.000 euro.

Le attività investigative del Compartimento in materia di e-commerce e telefonia, con oltre 1250 casi trattati ed un danno stimato superiore ai 2 milioni di euro, coprono una vasta casistica dalla falsa vendita on line di biglietti di eventi come concerti e partite di calcio (operazione Tickelandia), falsi annunci di locazione di case vacanza pubblicati in rete internet, false vendite on line di materiale telefonico ed informatico, di mezzi agricoli, di materiale elettrico, di autovetture, di TV. Le indagini hanno riguardato molteplici siti internet di compravendita (ne sono stati controllati circa 3300) e hanno portato alla denuncia di 115 persone, a Roma e in altre località italiane, per truffa, sostituzione di persona, appropriazione indebita, ricettazione, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità e simulazione di reato.

L’Ufficio Relazioni con il Pubblico, per rispondere alle sempre crescenti necessità dei cittadini, ha ricevuto quasi 3000 denunce e ha trattato circa 1300 email e segnalazioni.

Nell’ambito di una vasta campagna a livello nazionale, per la prevenzione dei rischi connessi alla navigazione in internet, soprattutto di ragazzi e ragazze adolescenti, come phishing, hackering, adescamento on line, truffe, furti di identità, cyberbullismo, gli gli operatori del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma hanno effettuato numerosi incontri presso 49 Istituti Scolastici della Capitale, raggiungendo circa 8800 studenti e 2045 tra docenti e genitori.

What do you think?

30 points

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%